Come stagnare la punta di un saldatore a stilo

L’uso del saldatore e la cura corretti aumenteranno la produzione e diminuiranno i casi di una saldatura non corretta. L’adeguata manutenzione della punta ne aumenta la durata e garantisce qualità della saldatura. Ecco alcuni suggerimenti:

Stagnare la punta

Stagnare la punta significa coprire la punta con uno strato di saldatura. La maggior parte delle punte da saldatura moderne sono composte da un nucleo di rame (il rame conduce il calore in modo eccellente) rivestito di ferro nichelato per respingere la saldatura.

Tuttavia, il ferro tende a ossidarsi rapidamente. Stagnare la punta prolunga la vita della punta prevenendo l’ossidazione e la corrosione, ma fa anche sì che il filo per la saldatura si sciolga e scorra più facilmente sulle parti che si stanno unendo, rendendo il processo di saldatura generale senza intoppi. Dovresti stagnare la punta quando appena l’acquisti prima dell’uso, quando il ferro è inattivo nel supporto, durante l’uso e quando finisci di saldare.

Per prima cosa vorrai riscaldare il saldatore fino alla temperatura di esercizio e strofinare la punta su una spugna per saldatura umida per pulirla delicatamente.

Se la punta è molto sporca, potresti immergere la punta in una pasta commerciale per la pulizia della punta e poi pulirla sulla spugna per saldatura umida. Una volta che la punta è pulita lasciarla tornare alla temperatura di esercizio. Applicare una piccola goccia di saldatura sulla parte in rame della punta. Eliminare la saldatura in eccesso sulla spugna umida. Una piccola quantità dovrebbe rimanere sulla punta conferendole un aspetto lucido.

Più basso è il contenuto di stagno del filo per stagnare più è facile che la punta perda il suo rivestimento protettivo. Questo si chiama deumidificazione. Per evitare la deumidificazione, tenere a portata di mano una bobina di stagno di grande diametro (63/37) per ristagnare la punta.

Pulizia della punta

La saldatura ha prestazioni scadenti su superfici sporche, ossidate o unte. Quando la punta si sporca, vorrai pulirla e ristagnarla prima di iniziare a saldare. Una punta ossidata avrà un rivestimento di scaglie nere o marroni e dovrà essere pulita strofinandola con una spugna umida per saldatura o usando un detergente per punte .

Se stai usando una spugna per saldatura, assicurati che sia pulita e inumidita con acqua distillata. Una spugna sporca raccoglie i contaminanti che reagiscono alle alte temperature danneggiando la punta.

Non utilizzare mai un materiale abrasivo come carta vetrata, tela smeriglio, scotch-brite o una spugna asciutta per pulire una punta.

Evita di immergere la punta nel flussante per pulirla; il flussante è corrosivo e causerà fori e buchi nella punta.

Pulire di tanto in tanto la punta sulla spugna mentre si lavora. Evitare di strofinare eccessivamente poiché può causare la rottura della punta.

Altri suggerimenti

Non spingere il filo verso la punta e costringerlo a sciogliersi. Questo distruggerà la tua punta.

Usa sempre un filo per saldatura di alta qualità come per i tuoi progetti perché hanno meno impurità che possono danneggiare le tue punte. Ispezionare la superficie di lavoro della punta per eventuali cambiamenti di forma, fori o altri difetti fisici. Questi sono segnali che la vita utile della tua punta è finita e deve essere sostituita.

L’ossidazione si forma più velocemente sulle punte con temperature più elevate. La saldatura a oltre 470°C fa ossidare la punta due volte più velocemente rispetto alla saldatura a 370°C. Regola la temperatura di saldatura alla temperatura minima necessaria per farla fluire senza intoppi.

In conclusione, eseguire un la manutenzione può fare la differenza tra il buon esito del progetto o l’incorrere in problemi.

Il lavori di saldatura vanno eseguiti con strumenti adatti. Dai uno sguardo ad alcuni dei nostri prodotti che ti aiuteranno a farlo!

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00
Sborgia & C. sas - Garden Shop
Apri Chat
Salve 👋 possiamo aiutarti?