Guida Ferramenta: Taglieri da cucina per alimenti, legno o sintetico

Il dibattito è installato. Alcuni pensano che il tagliere di plastica sia più igienica e altri quella di legno, ma quale è meglio? Scopriamolo insieme.

La credenza popolare indica che il tagliere di plastica sia più sicura perché ha una superficie più liscia di quella di legno, anche se questo non è del tutto vero, perché quando si inizia ad usarla segna lo stesso.

Entrambi i tipi di taglieri hanno i batteri sepolti tra le scanalature che il coltello forma ogni volta che taglia, e devono essere lavate accuratamente in modo che non rappresentino rischi per la salute della tua famiglia.

Se sono così simili, qual è il migliore? C’è differenza?

MIGLIOR TAGLIERE PER ALIMENTI

Che ci crediate o no, qualcuno è stato incaricato di fare uno studio per scoprire quale tagliere è più sana e ha meno batteri sulla sua superficie. Due indagini indipendenti hanno prodotto lo stesso risultato: il miglior tagliere in cucina è quello di legno.

Sia il dottor Dean O. Cliver dell’Università della California che l’UC Davis Food Laboratory sono stati conclusivi nel loro verdetto. Il buon vecchio tagliere di legno è più sano di quello nuovo di plastica, perché sulla prima i batteri affondano sotto la superficie di taglio, rimanendo così intrappolati, soffocando e morendo, mentre sulla plastica i batteri rimangono intrappolati nelle scanalature non lavabili, ma non lo fanno t morire.

TAGLIERI DI LEGNO

Sono i più tradizionali e anche i più belli, e sappiamo da diversi studi che sono anche più sicuri contro possibili batteri. Naturalmente ci sono legni diversi, con finiture e prezzi differenti. I più comuni sono il faggio, l’olivo, l’acero, la quercia o il bambù.

Il legno d’ulivo è uno dei più attraenti, con un tocco setoso molto piacevole. Tendono ad essere più costosi, quindi è consigliabile usarli solo per tagli morbidi e sfoggiarli a tavola, ad esempio con un tagliere di formaggi o salsicce.

Il legno di faggio è più adatto all’uso quotidiano in cucina perché è più morbido, e quindi meno aggressivo con il filo dei coltelli.

Il bambù è oggi uno dei legni più utilizzati, perché è un materiale facile da ottenere, duro e resistente, con buone proprietà contro i batteri.

TAGLIERI IN MATERIALE SINTETICO

Le tavole sintetiche fatte di “plastica”, possono essere molto valide anche se scelte bene. Ce ne sono di base molto economiche ma si danneggiano facilmente, quindi è meglio investire in un buon marchio che offra garanzie a lungo termine.

Il polipropilene sintetico e rinforzato si usurano meno, non accumulano odori e sono più sicuri. Tra i suoi vantaggi, spicca il fatto che di solito sono più economici, più leggeri e possono essere lavati in lavastoviglie.

Ci sono altri materiali come la pietra, l’ardesia, il granito, il vetro o il marmo, ma penso che siano più adatti per il servizio e la presentazione che per l’uso in cucina.

CONSIGLIO:

Controlla sempre l’origine del legno e se non mostrano i dati sulla confezione o sul loro sito web, chiedi al marchio di fornirti tali informazioni. È importante far sapere a fabbriche e marchi che non acquistiamo prodotti solo per la loro qualità o prezzo, ma per le modalità di estrazione delle loro materie prime.


Chi la letto questo articolo ha poi cercato questi prodotti:

Articoli che potrebbero interessarti:

Come scegliere di acquistare Pompe da travaso

come scegliere di acquistare pompe da travaso

Una pompe da travaso di cenere è un tipo di strumento utilizzato per trasferire liquidi, spesso utilizzato nel processo di vinificazione. Quando ne scegli uno, ci sono alcuni fattori che…

Come scegliere per acquistare una Troncatrice

come scegliere per acquistare una troncatrice

L’acquisto di una troncatrice, o di una sega circolare, è un investimento significativo per qualsiasi falegname o imprenditore. Ci sono alcuni fattori chiave da considerare quando si seleziona una troncatrice…

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00
Apri Chat
Salve 👋 possiamo aiutarti?