Guida Ferramenta: La nuova grande sfida, coltivare senz’acqua

Nel 2050 la domanda di cibo aumenterà di oltre la metà, la tecnologia nella produzione agricola promette anche di mitigare le carenze attraverso nuove tecniche e tecnologie.

Scienziati e altri esperti stanno lavorando a nuove opzioni che consentiranno di realizzare, nei prossimi decenni, una produzione alimentare su larga scala senza acqua, luce o pesticidi. Questo per soddisfare la crescente domanda derivante dall’aumento della popolazione nel mondo.

I ricercatori in Antartide hanno raccolto le prime verdure senza bisogno di questi elementi nell’aprile 2018, nell’ambito di un progetto che cerca di aiutare gli astronauti a coltivare cibo fresco su altri pianeti.

Gli scienziati della base tedesca Neumayer Station III hanno raccolto 3,6 chili di lattuga, 18 cetrioli e 70 ravanelli che sono cresciuti in una serra ad alta tecnologia, quando la temperatura esterna era di -20 gradi Celsius, ha affermato il Centro aerospaziale tedesco, che coordina il progetto.

IL FUTURO DELL’ALIMENTAZIONE E DELL’AGRICOLTURA

Il successo di queste prove diventa rilevante poiché l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) stima che nel 2050 il settore dovrà produrre quasi il 50% in più di cibo, foraggi e biocarburanti rispetto al 2012, data la crescita della popolazione.

Nel suo rapporto Il futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura , la FAO avverte che nell’Africa subsahariana e nell’Asia meridionale la produzione agricola dovrà più che raddoppiare per soddisfare la domanda crescente, mentre nel resto del mondo le previsioni di crescita sarebbero circa un terzo sopra i livelli attuali.

Un’altra opzione per soddisfare la domanda risiede in pratiche come l’agricoltura di conservazione e l’agricoltura intelligente per il clima, che forniscono nuovi metodi per aumentare la produttività.

Per l’International Maize and Wheat Improvement Center (CIMMyT), l’agricoltura conservativa cerca di proteggere l’ambiente, ridurre al minimo i movimenti del suolo, lasciare le stoppie del raccolto precedente sulla superficie del terreno e praticare la rotazione delle colture.

IL FUTURO TENDE A SUD

I più importanti produttori di cibo in Messico si trovano nel nord del Paese, ma tra 45 anni sarà proprio il sud a fornire la maggior parte del cibo, poiché l’acqua necessaria per farlo si trova proprio in quella zona.

Pertanto, è necessario disporre delle infrastrutture e della tecnologia per ottimizzare questa risorsa e il Messico deve essere più produttivo con ciò che ha, poiché, sebbene le aree di opportunità siano nel sud-sud-est (che ha il 60% dell’acqua di paese), quella regione attualmente produce solo il 30% del cibo totale.

Il nostro Paese ha una superficie agricolo-agricola fino a 24 milioni di ettari, ma ora ne vengono utilizzati solo 21 milioni, ovvero sono 3 milioni da sfruttare con maggiore tecnologia, investimenti e innovazione, dove l’acqua sarà un tema fondamentale .

Secondo le ultime previsioni del Servizio di informazione agroalimentare e pesca (SIAP), nel 2017 sono state prodotte per il Paese e per il mondo 222,9 milioni di tonnellate di produzione agricola e ittica, che rappresentano lo 0,7% in più rispetto allo stesso periodo. anno precedente (221,3 tonnellate).

Secondo queste previsioni, il settore agricolo ha prodotto 199,8 milioni di tonnellate, un milione in più rispetto al 2016. Juan Carlos Anaya, direttore del Grupo Consultor de Mercados Agrícolas, indica che è necessario sviluppare maggiori infrastrutture in autostrade, ferrovie, aree irrigue ad alta tecnologia nei sistemi per razionalizzare l’acqua e aumentare la produzione di cereali, frutta e verdura .

Secondo la National Water Commission (Conagua), il 76% del liquido utilizzato in Messico viene utilizzato nel settore agricolo. Secondo il documento Water Statistics in Mexico , i fattori che contribuiscono allo spreco di questa risorsa sono la “cattiva gestione dei sistemi di irrigazione”, questo nonostante il paese abbia una delle infrastrutture di irrigazione più grandi al mondo, di oltre 6 milioni ettari.

Un gruppo di ricerca del Technological Institute of Morelia e dell’Università di Manchester, in Inghilterra, cerca di ottimizzarne l’uso attraverso la tecnologia dei segnali e dell’impedenza elettrica. Questo modella il comportamento del terreno in diverse condizioni di irrigazione per conoscere la quantità esatta di acqua necessaria.

“I risultati indicano che la tecnica di misurazione proposta può essere utilizzata per rilevare e prevedere il movimento del liquido attraverso il campione di terreno”, ha affermato il leader della ricerca, José Antonio Gutiérrez Gnecchi.

TRASFORMARE IL CIBO

Crispim Moreira, rappresentante dell’Associazione e Ufficio di collegamento della FAO, sottolinea il fatto che il Messico è uno degli otto paesi dell’America Latina e dei Caraibi che ha sancito il diritto umano all’alimentazione nella sua Costituzione e si dice fiducioso in quanto i legislatori approvare la legge che regola questo diritto.

Questa legislazione, chiamata Legge del diritto a un’alimentazione adeguata in Messico, è attualmente al Congresso in attesa dell’approvazione della camera alta.

“Tra gli obiettivi di questa legge vi sono: garantire il godimento e l’effettivo esercizio del diritto all’alimentazione; contribuire all’autosufficienza alimentare, alla sicurezza, alla sovranità e alla sostenibilità”, spiega la senatrice Lisbeth Hernández Lecona, coordinatrice del Fronte parlamentare contro la fame in America Latina e Caraibi, Capitolo Messico (FPH Messico).

Moreira sottolinea che per trasformare il sistema agroalimentare è necessario cambiare il modo in cui il cibo viene prodotto, distribuito, trasformato e consumato.

“La FAO raccomanda profonde trasformazioni del sistema agroalimentare, perché oggi escludono parte della popolazione”, dice.

Tra queste raccomandazioni vi sono l’espansione dell’offerta esportabile, la soddisfazione delle preferenze e dei requisiti di accesso dei mercati globali, la garanzia di un sistema agroalimentare flessibile, efficiente, competitivo e redditizio che eviti sprechi e perdite, la promozione di una produzione sostenibile che tenga conto e mitiga gli effetti dei cambiamenti climatici.

Inoltre, è incoraggiato ad aumentare l’uso della conoscenza, della ricerca, dell’innovazione e della tecnologia, favorendo l’estensionismo, promuovendo lo sviluppo della popolazione rurale e promuovendo un’alimentazione sana e accessibile per i consumatori, che favorisca la qualità e la sicurezza.

Moreira ricorda che nel mondo 7 persone su 10 che versano in povertà sono contadini, indigeni, piccoli produttori, proprio coloro che si prendono cura della terra e nutrono le città, per cui chiede di sostituire il sistema alimentare con uno sostenibile, inclusivo e resiliente.

QUAL È IL PROSSIMO?

Secondo il rapporto della FAO, oltre alla necessità di aumentare l’approvvigionamento alimentare, sarà necessario produrlo a un prezzo accessibile per i consumatori.

Per questo, “oltre alle strategie per ridurre i costi di produzione, devono essere ridotti i costi di distribuzione, quindi le filiere devono essere più efficienti”.

Una delle soluzioni indicate dall’agenzia è la creazione di cooperative per commercializzare i prodotti direttamente nei centri di distribuzione dei supermercati.

Secondo il Ministero dell’agricoltura, dell’allevamento, dello sviluppo rurale, della pesca e dell’alimentazione (Sagarpa), il Messico non è estraneo alle grandi sfide e alle esigenze globali di cibo sufficiente, accessibile e sano. In futuro, la sua popolazione più numerosa, come quella del mondo, non solo richiederà più cibo, ma cercherà di garantire che sia sicuro, vario e di alta qualità.


Chi la letto questo articolo ha poi cercato questi prodotti:

E letto questi articoli:

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00
Sborgia & C. sas - Garden Shop
blank
Apri Chat
Salve 👋 possiamo aiutarti?